LE OPERE

BRUNO MUNARI

In una intervista realizzata nel 1992 ed andata in onda nell’Agosto del 1993, Bruno Munari, con la sua voce gentile, spiega il significato del suo nome in giapponese, dove MU significa nulla e NARI’ fare, dunque FARE DAL NULLA.
Munari amava il Giappone, ed era, ed è ancora, molto amato dai giapponesi. E quel fare dal nulla non è soltanto un felice e meraviglioso nomen-omen, ma sembra rappresentare l’intima essenza di gran parte del lavoro dell’artista.
Che cosa è, se non un fare dal nulla, il semplice gesto di piegare un cartoncino per realizzare una scultura da viaggio? Ed ancora una volta torniamo al Giappone, con la pratica dell’origami. E non è forse un fare dal nulla il prendere una calza e trarne fuori una lampada, o aggiungere due fiocchetti ad una pennellessa per ottenere l’immagine di una graziosa fanciulla? Per non parlare delle forchette che, semplicemente piegate in alcune parti, diventano mani gesticolanti.
Nel suo L’IMPERO DEI SEGNI Roland Barthes, il grande intellettuale così attratto dalla cultura e dall’estetica giapponesi, scrive: “......e può darsi che ciò che, nello zen, si chiama il satori e che gli occidentali non possono tradurre che con termini vagamente cristiani ( illuminazione, rivelazione, intuizione ) non sia altro che una sospensione panica del linguaggio, il bianco che cancella in noi il regno dei codici”.
Ebbene, è proprio Munari a spingersi fino all’azzeramento dei codici linguistici nei suoi libri illeggibili, pagine senza parole, così come senza parole sono le pagine bianche di Cappuccetto Bianco, delizioso libro che solo lui poteva pensare e realizzare.
Dunque, mai come in questo caso nomina sunt consequentia rerum, e nessuno come
Munari merita FARE DAL NULLA. E l’arte, in fondo, che altro è?

Sergio Vanni

 

"Pensare confonde le idee"
"Quello che non si può dire in poche parole non si può dirlo neanche in molte"
"Quando uno dice lo so fare anch'io, vuol dire che lo sa rifare altrimenti lo avrebbe già fatto prima"
"Ho cercato di comunicare quello che gli altri non vedono, ad esempio un arcobaleno di profilo"
"I bambini di oggi sono gli adulti di domani"
"Conservare lo spirito dell'infanzia dentro di sé per tutta la vita, vuol dire conservare la curiosità di conoscere, il piacere di capire, la voglia di comunicare"

Curva di peano 1974

Il famoso matematico Giuseppe Peano (1852-1932) per dimostrare visivamente che possono esistere linee curve senza tangenti, ideò una linea curva simile al filo che forma una maglia, ma così fitta da riempire completamente tutta l’area di un quadrato. Il risultato fu un quadrato tutto nero. Nella delimitazione di confine tra le zone di colore di questa mia composizione, è visibile la linea famosa. La mia proposta, assolutamente superflua alla speculazione matematica, ma curiosa sotto l’aspetto estetico, sta nel porre determinati colori nelle zone delimitate dalla linea. Di fronte a questa proposta l’osservatore è spinto ad immaginare quale potrà essere il colore della superficie quadrata quando la curva rimpicciolendosi e moltiplicandosi l’avrà riempita quasi tutta. Non è necessario pensarci continuamente, basta una volta ogni tanto.

Bruno Munari

X

Macchine inutili 1933

Che differenza c'è tra le mie macchine inutili e quelle di Calder?...L'unica cosa in comune è che si tratta di oggetti appesi che girano... Gli elementi che compongono una macchina inutile, ruotano tutti su se stessi e tra loro senza mai toccarsi.
La natura dei Mobiles è invece diversa: sembra che parta da un'ispirazione di carattere vegetale. Si potrebbe dire che Calder è il primo scultore degli alberi...Prendete un ramo con le foglie e osservate un mobile di Calder, hanno lo stesso principio, hanno la stessa oscillazione, lo stesso comportamento dinamico. Gli elementi che compongono una macchina inutile, invece, ruotano tutti su se stessi e tra loro senza toccarsi, hanno una origine geometrica e sfruttano le due facce degli elementi rotanti per effetti di variazione cromatica.
Spesso il pubblico vuol sapere com'è nata l'idea ed ecco la risposta: nel 1933 si dipingevano in Italia i primi quadri astratti che altro non erano che forme geometriche o spazi colorati senza alcun riferimento con la cosiddetta natura esteriore...Personalmente pensavo che, invece di dipingere dei quadrati e dei triangoli o altre forme quadrate dentro l'atmosfera, ancora verista (si pensi a Kandiskij) di un quadro, sarebbe stato forse interessante liberare le forme astratte dalla staticità del dipinto e sospenderle in aria, collegate tra loro in modo che vivessero con noi nel nostro ambiente, sensibili alla atmosfera vera della realtà” . ...Inutili perchè non producono, come le altre macchine, beni di consumo materiale, non eliminano manodopera, non fanno aumentare capitale. Alcuni sostenevano che erano utilissime, invece, perchè producono beni di consumo spirituale ( immagini, senso estetico, educazione del gusto, informazioni cinetiche ecc.)

Bruno Munari – Arte come mestiere

In fatto di invenzioni fiabesche nessuno, nel genere, batteva Bruno Munari. E anche lo specialissimo genio del divertimento disegnato, Saul Steinberg, era perplesso quando doveva dare un giudizio sulle invenzioni di Munari. Lo amava e basta. Credo appartenga alla storia della “Storia delle invenzioni” che Munari abbia inventato, in anticipo sulle creature “mobili” di Alexander Calder, quelle sculture piccole e grandi che penzolano dal soffitto e si muovono grazie alla corrente d'aria che c'è in ogni stanza. In ogni stanza ed in qualunque sito del mondo, a Cuneo come a Bangkok, qualcosa si muove nell'aria – l'aria stessa – e imprime un movimento lieve, che sospinge quegli oggetti appesi al soffitto, quelle forme fatte di carta o di lamiera colorata, a muoversi come se qualcuno ci soffiasse dentro. Munari, anche in quell'invenzione, aveva dato grazia all'aria che respiriamo.

Giorgio Soavi

“Che differenza c'è tra le mie macchine inutili e quelle di Calder?...L'unica cosa in comune è che si tratta di oggetti appesi che girano... Gli elementi che compongono una macchina inutile, ruotano tutti su se stessi e tra loro senza mai toccarsi.
La natura dei Mobiles è invece diversa: sembra che parta da un'ispirazione di carattere vegetale. Si potrebbe dire che Calder è il primo scultore degli alberi...Prendete un ramo con le foglie e osservate un mobile di Calder, hanno lo stesso principio, hanno la stessa oscillazione, lo stesso comportamento dinamico.
Gli elementi che compongono una macchina inutile, invece, ruotano tutti su se stessi e tra loro senza toccarsi, hanno una origine geometrica e sfruttano le due facce degli elementi rotanti per effetti di variazione cromatica.

Bruno Munari

X

Tavole tattili 1931

“Tutti gli umani, al momento della nascita, sono forniti di un apparato plurisensoriale, per natura”, diceva Bruno Munari. “Col passare degli anni, gran parte di questo apparato viene atrofizzato perché l’individuo, per lo sviluppo della conoscenza, dà la prevalenza alla logica e alla letteratura ...Occorre attivare di nuovo questo apparato che ci fa conoscere scale di valori tattili, sonori, termici, materici, di durezza e di morbidezza, di ruvidità e di levigatezza, di impenetrabilità, di equilibrio e di staticità, di leggerezza e di pesantezza, di fragilità e di solidità... tutti valori che, spiegati a parole diventano argomenti complicatissimi e quasi incomprensibili.”

Un'arte per tutti i sensi

Il linguaggio tattile è la prima forma di comunicazione del bambino, è un linguaggio di amore e di conoscenza, ma a differenza degli altri sensi, comporta infatti un contatto con altri corpi e materie: fonte non solo di conoscenza, ma anche di piacere, e proprio per questo a lungo considerato tabù nella cultura occidentale.
Munari, formatosi all’interno del gruppo dei futuristi (non dimentichiamo l’Educazione del tatto annunciata da F.T. Marinetti nel Manifesto Il Tattilismo del 1921), ha pensato a un’arte che coinvolgesse tutti i sensi e non soltanto la vista ritenuta per troppo tempo la sola fonte di conoscenza. Ecco dunque il tatto, il più immediato, come insegnano i bambini.
La prima Tavola Tattile risale al 1931, a questa ne seguiranno altre nel 1943 e nel 1993. Realizzate su tavole di legno, presentano vari materiali come carte vetrate di varia finezza, sughero, corde, metallo, pelle e pelliccia così da offrire diverse sensazioni visive e tattili. Sulla tavola del 1943 l’artista indica i tempi di ‘lettura’ (lento, forte, veloce, velocissimo), come fosse una partitura musicale.

X

Negativo positivo 1948

L'idea base che genera questi dipinti, sta nel fatto che ogni elemento che compone l'opera, ogni forma, ogni parte della superficie, può essere considerata sia in primo piano sia come fondo.
L'effetto che ne risulta, effetto oggi definito con il termine OP (Optical Art) fa si che ogni forma che compone l'opera sembra che si sposti, che avanzi o che vada indietro nello spazio ottico percettivo dello spettatore, creando una dinamica cromatica, una instabilità ottica secondo come lo spettatore prende in considerazione ogni forma.

Bruno Munari

“ Egli pone il problema dell'opera d'arte come campo aperto azzerando e ribaltando quello che è sempre stato il tradizionale rapporto gerarchico tra i due termini della composizione: un primo piano con l'evento, con il fatto narrativo, ed un secondo piano che altro non è se non lo sfondo di questo evento. Da cui una concezione antitradizionale e inedita dell'opera, intesa si a sottolineare il rigore geometrico e costruttivo della composizione ma all'interno di un contesto di libera creatività, con un gioco di forme né chiuse né statiche, le quali infatti nel medesimo tempo avanzano e retrocedono creando, sulla base di una dinamica sostanzialmente cromatica, quella sorta di equilibrio instabile e di mobilità percettiva che costituisce un aspetto fondamentale della ricerca di Munari. Una ricerca di fatto diramata in più direzioni, tutta peculiare dell'artista, la quale si colloca infatti “oltre” i canoni codificati della pittura e della scultura per aprire numerose iniziative che spaziano dalla progettazione di forme per l'industria alla didattica ed alla letteratura per bambini” Giovanni Anzani

Giovanni Anzani

X

Sensitiva 1940

Quello delle aritmie meccaniche...1951
“Le macchine sono noiose con il loro ritmo uniforme e costante. Con opportuni accorgimenti si possono costruire macchine il cui rumore ricorda i cinguettio degli uccelli. A Marinetti non piaceva l'ironia”

Bruno Munari

X

Forchette parlanti 1958

“Questo delle forchette è un gioco, una specie di ginnastica mentale, come quello che faccio con i bambini”
Questa serie, forchette in acciao inox piegate all’espressività a discapito della funzione, sono un esempio emblematico di un’arte che si permette di concentrarsi esclusivamente sull’esercizio della fantasia.

Bruno Munari

X

Scultura da viaggio 1958

“Oggetti a funzione estetica”. Nella valigia normalmente mettiamo oggetti a funzione pratica, ci preoccupiamo di avere il necessario per la pulizia personale e gli indumenti di ricambio...mettiamo anche gli oggetti di collegamento con il nostro mondo affettivo: le foto delle persone care...Se ci fosse un oggetto, leggero e poco ingombrante, un oggetto da portare con sé, che avesse una funzione estetica (visto che di quelle pratiche ci siamo già occupati) potrebbe fare da collegamento con il nostro monto estetico culturale moderno. Come a casa nostra... «Pensiamo ad un viaggiatore moderno. Un viaggiatore giovane di fuori e anche di dentro. Un tipo che appartiene ad una cultura internazionale, non un analfabeta culturale. E siccome una persona non è completa se non cura tutte le parti di se stessa, non solo l’apparenza ma anche la sostanza, ecco che nasce da un certo punto, quasi chiamata dalle esigenze vitali più complesse, la scultura da viaggio»

Bruno Munari

La scultura si presenta piegata in una busta. Si apre la busta e si estrae la scultura. Appoggiate la scultura su di un piano orizzontale (sui piani inclinati scivola) e prima di spegnere la luce osservate come questa illumina le varie parti sporgenti o rientranti, le parti piene e quelle vuote. Voltatela dall'altra parte, cambia aspetto, i vostri pensieri da pratici diventeranno lentamente estetici (la velocità dipende da voi), non vi domanderete più "cusa l'è chel rob ki"[cosa è quella roba lì? in dialetto milanese, ndr]e vi addormenterete felici. Buona notte.

Bruno Munari, Codice ovvio, Einaudi

X

Simultaneità degli opposti 1950

Mentre i negativi-positivi sono costruiti con tinte sature piatte, senza alcun segno espressionista, in uno spazio geometrico organizzato da ritmi rigidi, e dove tutto lo spazio è significante; i segni sono invece delle forme appoggiate su di un fondo, senza problemi di ambiguità percettiva, dove il valore è dato dall'energia, dal colore materico, dalle dimensioni, dai collegamenti, dagli spazi vuoti.
Si tratta quindi di due ricerche complementari, parallele e simultanee, dove ognuna approfondisce un argomento di percezione visiva e di comunicazione estetica.
I due argomenti sono complementari, e l'insieme delle due ricerche è, in fine, un negativo-positivo.

Bruno Munari, Simultaneità degli opposti, Corraini, 1989

X

CURIOSITA'

Curva di Peano

Macchine inutili

Tavole tattili

Negativo Positivo

Sensitiva

Forchette parlanti

Scultura da viaggio

Simultaneità degli opposti

Bruno Munari quello ...

  • Quello nato a Milano nel 1907
  • Quello delle Macchine inutili del 1930
  • Quello dei nuovi libri per bambini del 1945
  • Quello dell'Ora X del 1945
  • Quello delle Scritture illeggibili di popoli sconosciuti del 1947
  • Quello dei Libri illeggibili del 1949
  • Quello delle Pitture negative-positive del 1950
  • Quello delle Aritmie meccaniche del 1951
  • Quello delle Proiezioni a luce polarizzata del 1952
  • Quello delle fontane e dei giochi d'acqua del 1954
  • Quello delle Ricostruzioni teoriche di oggetti immaginari del 1956
  • Quello del Portacenere cubico del 1957
  • Quello delle Forchette parlanti del 1958
  • Quello del design
  • Quello delle Sculture da viaggio del 1958
  • Quello dei Fossili del Duemila del 1959
  • Quello delle Strutture continue del 1961
  • Quello delle Xerografie originali del 1964
  • Quello degli Antenati del 1966
  • Quello del corso di design alla Harvard University USA del 1967
  • Quello della Flexy del 1968
  • Quello della grafica editoriale Einaudi
  • Quello dell'Abitacolo del 1971
  • Quello dei Giochi didattici di Danese
  • Quello dei colori nelle Curve di Peano del 1974
  • Quello dei Messaggi tattili per non vedenti del 1976
  • Quello dei bonsai
  • Quello dei Laboratori per bambini al museo del 1977
  • Quello delle rose nell'insalata
  • Quello della lampada di maglia
  • Quello dell'Olio su tela del 1980
  • Quello dei Filipesi del 1981
  • Quello dell’Alta tensione del 1991
  • Quello degli Ideogrammi materici del 1993
  • Quello premiato col Compasso d'Oro con una menzione onorevole dall'Accademia delle Scienze di New York
  • e quello premiato dalla Japan Design Foundation “per l'intenso valore umano del suo design”
  • Quello del premio Andersen per il miglior autore per l'infanzia
  • Quello del premio Lego

Premi e riconoscimenti attribuiti a Bruno Munari

  • Compasso d'Oro per il design, 1954 Compasso d'Oro per il design, 1955
  • Spiel gut, Ulm, 1971, 73, 87
  • Menzione onorevole dell'Accademia delle Scienze di New York, 1974
  • Premio Andersen, 1974 “Miglior autore per l'infanzia”
  • Compasso d'Oro per il design, 1979
  • Premio Japan Design Foundation, 1985
  • “Per l'intenso valore umano del suo design”
  • Premio Lego, 1986 “Per il suo eccezionale contributo allo sviluppo della creatività infantile”
  • Premio Accademia dei Lincei, 1988
  • Honorary Member C.C.V.A.A. Harvard University, Cambridge, USA
  • Laurea ad honorem in architettura, 1989 Università degli Studi di Genova
  • Compasso d'Oro alla carriera, 1995

Scarica Catalogo Mostra

CONTATTACI ORA